fbpx

Fondi pensione e previdenza individuale

Come funziona la Previdenza Complementare

Sottoscrivere un piano pensionistico complementare significa accantonare una parte dei propri risparmi per ottenere una pensione che integri quella corrisposta dal sistema pensionistico classico, aumentando le rendite e la tranquillità finanziaria per il proprio futuro e quello dei nostri cari.

Quanti tipi di fondi pensione esistono?

Scopriamo quali sono le forme pensionistiche complementari

Negli ultimi vent’anni il sistema pensionistico di base è profondamente mutato. L’età minima richiesta per la pensione si è alzata ed il valore percepito è gradualmente diminuito rispetto al passato. Per questi motivi, diventa necessario affiancare alla previdenza obbligatoria un piano complementare.

IL TUO DOMANI DIPENDE DALLE SCELTE DI OGGI

Fondi Pensione Negoziali

Costituiti sulla base di un accordo tra datore di lavoro e sindacati o associazioni di categoria: contratti collettivi nazionali, accordi o regolamenti aziendali.

Fondi Pensione Aperti

Istituiti da imprese di assicurazione, banche, società di gestione del risparmio ed altre società finanziarie. Possono essere ad adesione collettiva o individuale.

Piani Individuali Pensionistici

Sono forme pensionistiche prettamente individuali, istituite da imprese di assicurazione e realizzate attraverso contratti di assicurazione sulla vita.

Scopri tutti i benefici fiscali

Potrai usufruire dei vantaggi fiscali sulle pensioni integrative.

I versamenti nel Piano Individuale Pensionistico (PIP) o nel Fondo Pensione Aperto (FPA) si possono dedurre dal reddito dichiarato ai fini IRPEF, fino al limite complessivo di € 5.164,57. Con questa tabella puoi stimare facilmente quante imposte pagare in meno in funzione del reddito annuo e dei versamenti effettuati.

LE NOSTRE SOLUZIONI DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

PIP

PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO

RICHIEDI INFORMAZIONI

Il PIP è una forma pensionistica complementare individuale attuata mediante contratti di assicurazione sulla vita. I contributi versati confluiscono in una Gestione Separata appositamente dedicata al PIP. Dal 1° luglio 2016 è Previattiva UnipolSai, nata dalla fusione delle 5 precedenti gestioni dedicate ai Pip del nostro Gruppo. Gode dei vantaggi fiscali previsti per la Previdenza Complementare.

FPA

FONDI PENSIONE APERTI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Il FPA è una forma pensionistica complementare costituita in forma di patrimonio separato e autonomo all’interno del patrimonio della Compagnia. L’offerta UnipolSai prevede il Fondo Pensione Aperto UnipolSai Previdenza FPA composto da 7 comparti di investimento basati sul meccanismo delle “quote”, come i Fondi Comuni di Investimento. E’ presente un comparto con garanzia del capitale.

Per entrambe le soluzioni è prevista la massima flessibilità in quanto i versamenti provenienti dai contributi personali non sono obbligatori. Si può interrompere, variare e riprendere il pagamento dei contributi e fare integrazioni con versamenti aggiuntivi, senza alcuna penalizzazione. I contributi da fonte TFR devono essere effettuati dal datore di lavoro almeno una volta all’anno.

Tutti possono aderire!

L’adesione al PIP può avvenire esclusivamente in forma individuale. L’adesione al FPA può avvenire sia in forma individuale che su base collettiva. L’adesione su base collettiva consente al lavoratore di beneficiare del contributo del datore di lavoro.

I versamenti sono del tutto liberi, ad esempio puoi contribuire con un versamento di € 100. Decidi anno per anno quanto e se versare. I lavoratori dipendenti, nei casi previsti dalla legge, possono destinare al PIP e al FPA anche il loro TFR (trattamento di fine rapporto).

I versamenti al PIP e al FPA sono oneri deducibili annualmente dal reddito dichiarato ai fini IRPEF fino ad un importo di € 5.164,57. Rientrano in questo tetto deducibile anche i contributi versati a favore dei familiari a carico.
Maggiori benefici fiscali sono consentiti ai lavoratori di prima occupazione successiva al 1° gennaio 2007.

Vuoi sapere quale sarà la tua pensione futura?

È il nuovo servizio disponibile sul sito INPS, ufficialmente denominato “La mia Pensione futura”, che consente ai lavoratori di simulare quella che sarà presumibilmente la loro pensione futura. È chiamato anche “Busta Arancione” perché l’Inps provvederà a spedire il prospetto cartaceo presso il domicilio di tutti coloro che non si sono registrati.

VAI AL SITO INPS

I motivi per scegliere i piani UnipolSai

Inizia subito a prenderti cura del tuo domani, basta un piccolo gesto.

“Con i Piani pensionistici di UnipolSai,
puoi integrare la tua pensione futura scegliendo il versamento su misura per te.”

La scelta per la destinazione del TFR

Con riferimento al Fondo Pensione Aperto, i lavoratori dipendenti possono contribuire al Fondo conferendo, anche esclusivamente, i flussi di TFR in maturazione. Qualora il lavoratore decida di versare la contribuzione prevista a suo carico e abbia diritto, in base ad accordi collettivi, anche aziendali, ad un contributo del datore di lavoro, detto contributo affluirà al Fondo nei limiti e alle condizioni stabilite nei predetti accordi. Il datore di lavoro può decidere, anche in assenza di accordi collettivi, anche aziendali, di contribuire al Fondo. Gli accordi possono anche stabilire la percentuale minima di TFR maturando da destinare a previdenza complementare. In assenza di tale indicazione e ad eccezione dei casi previsti dalla normativa vigente, il conferimento è totale. È comunque consentito al lavoratore di rivedere successivamente la scelta effettuata con riguardo alla quota di TFR da destinare al Fondo.

Il tempo, un fattore decisivo

Aderire alla previdenza complementare per tempo, anche prima dell’inizio della propria carriera lavorativa, comporta il vantaggio di ottenere un importante montante pure in virtù di modesti accantonamenti. Rimandare l’inizio dei versamenti significa ridurre l’ammontare della pensione integrativa. Un ritardo di cinque anni può determinare una prestazione finale ridotta di almeno il 15%. Inoltre, il miglior alleato degli impieghi finanziari è proprio il tempo: la capitalizzazione degli interessi sul lungo periodo produce un risultato eccezionale.

Esempio: un versamento di € 1.200,00 all’anno (= appena € 100,00 mensili) per un periodo di 50 anni al rendimento del 3% produce un montante di circa € 130.000,00 a fronte di € 60.000,00 versati (e dedotti).

PERSONALIZZAZIONE

In funzione della tua età viene automaticamente attribuita una combinazione prefissata tra Fondo Interno e Gestione Separata.

FLESSIBILITÀ

Hai la possibilità di aumentare o diminuire gli importi dei versamenti oppure di effettuarne di aggiuntivi.

TFR

Puoi contribuire versando parte o anche l’intero trattamento di fine rapporto, ovviamente nei casi previsti dalla Legge.

FISCALITÀ

Puoi dedurre fiscalmente dal tuo reddito gli importi versati, nei limiti consentiti dalla normativa vigente.

Previdenza integrativa e fondi pensione

Integra la tua pensione con i nostri Piani Individuali Pensionistici e i nostri fondi pensione per assicurare tranquillità e solidità al tuo futuro.